AlmaNews
AlmaNews
X Anniversario della Magna Charta
Magna Charta
  Video MPEG 4,83 MB / 508 Kb

Esiste un nesso tra i due eventi: il decennale della firma della Magna Charta delle Università e l'apposizione di una lapide in memoria di docenti e studenti ebrei di cui l'Università fu privata dalla "ignominia delle leggi razziali", come recita la lapide stessa. La connessione sta nei contenuti della Magna Charta, un documento "fondamentale" nel senso che sancisce i principi fondanti dell'autonomia e dell'indipendenza delle Università.

X anniversario
  Celebrazioni del X anniversario
   Video MPEG 7,63 MB / 798 Kb

La Magna Charta fu ed è l'atto comune di tutte le università europee per l'affermazione dei principi fondamentali dell'insegnamento superiore, che deve essere libero da condizionamenti esterni, collegato all'evolversi della società, autonomo e indipendente : in questo documento vengono affermate le libertà accademiche e viene respinta ogni discriminazione. L'incontro per il decennale è stata l'occasione per lanciare il progetto di una rete tra alcune delle Università del "gruppo di Coimbra", che unisce i più antichi atenei d'Europa, come Bologna, Pavia, Siena, Oxford, Cambridge Heidelberg, Barcellona e Salamanca.

In memoria
  In memoria
   Video MPEG 9,37 MB / 978 Kb

Ha affermato il Rettore Fabio Roversi Monaco: "Il futuro delle istituzioni universitarie si gioca in larga parte sull'offerta di specializzazione post laurea L'Ateneo di Bologna, attraverso il progetto di dottorato europeo, si candida ad entrare tra le eccellenze in questo ambito di crescente importanza"
Il premio Nobel Rita Levi Montalcini ha affiancato il presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Amos Luzzatto alla cerimonia di apposizione di una lapide alla memoria degli studenti e docenti ebrei discriminati dalle leggi razziali.

Apposizione della lapide

La lapide, collocata nell'atrio principale di palazzo Poggi, sede centrale dell'Università di Bologna, è stata voluta espressamente dal Rettore Fabio Roversi Monaco che ha così commentato: "Quello che è successo in quegli anni deve essere ricordato. All'epoca non ci fu nessuna protesta e tutto si svolse in silenzio, nonostante che alle Università venissero sottratti ricercatori e giovani studiosi di livello elevatissimo. Il senso di questo evento è di respingere ogni violazione della libertà delle persone".


Home Page Home
Page
AlmaNewsAlmaNews