AlmaNews
AlmaNews
Laurea Honoris Causa a Lucio Dalla
L'inizio della cerimonia
  L'inizio della cerimonia
   Video MPEG 7,97 MB / 870 Kb

"L'Università di Bologna è lieta di annoverare oggi tra i suoi dottori chi ha saputo porgere un messaggio importante, con le parole e con la musica, alla riflessione di molti di noi e di moltissimi tra coloro che, pur sconosciuti e pur abitando spazi e luoghi lontani, sono radicati nel nostro stesso immaginario collettivo": con questo richiamo al valore dell'opera di ricerca musicale e poetica di Lucio Dalla si è aperta la cerimonia di conferimento della laurea honoris causa con rito medioevale.

La lectio a sorpresa
  La "lectio" a sorpresa
   Video MPEG 6,24 MB / 686 Kb

Per la prima volta dottore, in Lettere e Filosofia, corso di laurea in Discipline delle Arti Musica e Spettacolo, Lucio Dalla ha ricevuto dal Rettore dell'Ateneo della sua città, la laurea honoris causa il 9 luglio nel Chiostro di San Giovanni in Monte.

Lucio Dalla è stato insignito del titolo accademico grazie al lavoro di ricerca nel campo della musica leggera, condotto nell'arco della sua carriera.


  La lezione
   Video MPEG 12,8 MB / 1,37 MB

È stato così confermato il buon rapporto tra il musicista e l'Università di Bologna, culminato con l'evento dello scorso anno, l'Enzo Re, spettacolo su testi di Roberto Roversi, che Lucio Dalla aveva arricchito con cinque bellissimi brani musicali.
Nella motivazione della proposta di laurea honoris causa è stata citata tra l'altro la collaborazione tra Lucio Dalla e il poeta bolognese Roberto Roversi che "portò un notevole arricchimento all'espressione: un contenimento del primato melodico, marcate fratture dell'andamento ritmico, un'inquietudine timbrica che spinge Lucio Dalla a recitare i versi del poeta, più che a cantarli".
Nel corso della cerimonia di laurea Dalla ha tenuto la sua "lectio" a braccio, con sorpresa dell'ultimo minuto.


  La Laurea
   Video MPEG 7,08 MB / 776 Kb

Il cerimoniale medievale, particolarmente "scenografico", fu ripristinato nelle manifestazione del IX centenario dell'Università (1988- 89) per celebrare con maggiore solennità i "laureati" più illustri come ad esempio François Mitterrand o il re di Spagna Juan Carlos, e in anni più recenti per personaggi celebri come Riccardo Muti, il Dalai Lama e, l'anno scorso, Nicolas Hayek.

Il rito medievale
  Rito medioevale per Lucio Dalla "dottore"
   Video MPEG 10,4 MB / 1,11 MB

Il rito prevede che il Rettore ponga sul capo del laureando il berretto, simbolo della funzione dottorale, e intanto pronunci la formula in latino "desiderio desideravi te corona doctorea sublimare in iure civili in quo te nutrivi, accipe, inquam, igitur a me biretum sive diadema doctorale quod tuo in capite impono".
Segue il passaggio in cui il Rettore porge al dottorando il Libro, prima chiuso (il possesso della scienza) poi aperto (la divulgazione della scienza stessa): il Libro scelto per Lucio Dalla è il testo che contiene le parole e la musica de "Il flauto magico" di Mozart, un richiamo al mistero creativo e all'immagine di bellezza legate a quella musica e a quelle parole.
Segue la consegna dell'anello, simbolo dell'alleanza del neo dottore con la scienza, con impresso il sigillo dell'Ateneo.
Infine l'abbraccio tra il Rettore e il laureato.


Home Page Home
Page
AlmaNewsAlmaNews